Aug 072011
 

self-confidenceC’è una parola in Giapponese che rende molto bene il concetto: JISHIN. Ma con gli ideogrammi giusti però, visto che quelli sbagliati (questi: 地震) significano ‘terremoto’

L’allenamento di oggi mi ha ridato fiducia in me stesso. Quella fiducia che si era persa nelle ultime settimane a causa di difficoltà che mi avevano fatto seriamente mettere in dubbio la capacità di portare a termine la prossima maratona, in programma tra tre settimane.

Stamattina sono riuscito – nonostante il clima parecchio umido – a completare l’ultimo lungo in preparazione di Sapporo: 30Km in 2h56′ ad una media di RM+15″. I due elementi che mi hanno particolarmente soddisfatto sono la frequenza cardiaca media molto contenuta (solo 146bpm) e l’ottima condizione delle gambe, sia durante che dopo tanto è vero che alla fine ho fatto a piedi i 4 piani di scale che portano al mio appartamento.

Con questo allenamento si chiude la fase dei ‘lunghissimi’ e comincia lo scarico. Complessivamente, la preparazione a questa maratona non è stata quella che avrei voluto, ma – per come si erano messe le cose – ha raggiunto un limite minimo di decenza che mi permette di affrontarla con una certa serenità.

Poi, si sa… ogni maratona è un’avventura diversa dalle altre e ci sono mille fattori che possono influenzarla sia in positivo che in negativo. Solo una cosa è sicura: anche questa volta venderò cara la pelle!

Comments

  1. Fatdaddy says:

    Ahhh, lo scarico…il momento più bello della preparazione di una mara…
    😀

    1. Foia says:

      Bello lo scarico, ma io preferisco il carico.
      Quello di carboidrati, si intende…. 😉

Continuando a navigare in questo sito, autorizzi l'utilizzo dei cookies. Maggiori dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi