Nov 122012
 

sometimes-they-come-back-again

Sono successe molte cose dopo aver tagliato il traguardo della mia ultima maratona: era il 20 Maggio a Copehnagen.  Sono passati solo 6 mesi, ma mi sembrano 6 anni. Si, perché è proprio vero che quando le cose vanno bene e ci si diverte il tempo ‘vola’ mentre quando la vita si fa difficile le lancette sembrano muoversi al rallentatore. E questi sei mesi per me non sono stati certamente generosi di momenti piacevoli sotto ogni punto di vista.

Se ci limitiamo all’ambito podistico, questo periodo è stato segnato dall’infortunio al tendine d’Achille, che mi ha tenuto fermo a lungo impedendomi la partecipazione alla maratona di Verona1, e costringendomi ad un impegnativo (e costoso) percorso di riabilitazione. Ora il peggio sembra essere passato, ma ho la sensazione di non essere ancora completamente a posto.

Nonostante questo, ho deciso comunque di partecipare alla maratona di Torino, con la quale ho un conto in sospeso dall’anno scorso, quando ero stato costretto a rinunciare a causa del problema al ginocchio. Affronto questa mia undicesima maratona con una preparazione davvero sommaria: dopo l’infortunio di Agosto ho totalizzato 350Km scarsi, con solo 4 uscite oltre i 20Km di cui la più lunga di appena 30Km. Se anche il ‘reparto trasmissione’  dovesse reggere fino in fondo, ci sono buone probabilità che sia il ‘motore’ a non farcela. Staremo a vedere…

Nel frattempo, provo ad illudermi pensando che in occasione del rientro dal precedente infortunio (sei mesi anche quella volta) avevo fatto registrare il mio record personale.

E poi il 18 Novembre è l’anniversario di nascita di mio padre: questa gara la voglio dedicare alla sua memoria. Se fosse ancora vivo sono sicuro che – nonostante qualche sarcastica e “toscanissima” battuta su questa mia mania del running – sarebbe segretamente orgoglioso di me.


1 A proposito: avete visto che bravo sono stato? Vi ho dato ascolto e ho seguito le indicazioni del sondaggio.

Comments

  1. alain says:

    ciao, pensa che io dopo 5 mesi di tendinite achillea e la ricerca (vana) di rimedi, sono arrivato al punto di cercare i “compagni sventura” in modo da capire come se la cavano gli altri…spero che gli esercizi eccentrici abbiano avuto un buon esito con te, io li ho iniziati da sole 2 settimane perchè prima erano troppo dolorosi!

    1. Foia says:

      Si, gli eccentrici sembrano funzionare, quindi ti consiglio di insistere.
      Certo che con il tuo chilometraggio abituale, i tendini li metti a dura prova 😉
      In bocca al lupo!

Continuando a navigare in questo sito, autorizzi l'utilizzo dei cookies. Maggiori dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi