May 042014
 

gp rosateCi voleva proprio una giornata come questa!

Il bel percorso e l’ottima organizzazione li conoscevo già, avendo partecipato all’edizione 2011. Se a queste premesse si aggiungono:

  • un clima perfetto: soleggiato e con un piacevole venticello fresco
  • i tratti sterrati fangosi ma non impossibili, nonostante le abbondanti piogge dei giorni precedenti
  • un cielo così terso che sembrava di poter toccare le Alpi che facevano da cornice
  • i volontari onnipresenti e simpatici
  • il piacevole incontro con una cicogna in mezzo alla risaia
  • le gambe che hanno voglia di girare e mi portano a chiudere alla media di 5’00″/Km senza mai forzare
  • l’eccellente pasta al ragù del ristoro finale

beh… come si fa a non riconciliarsi con la corsa e col mondo?

 

  2 Responses to “Rusá Ball nel fango”

  1. Complimenti, Francesco! Innanzitutto per l’ottimo risultato, in secondo luogo per l’entusiasmo che trapela dalle tue parole: è davvero contagioso, sei il migliore spot per il podismo!

  2. Grazie, Andrea.
    L’entusiasmo mi aveva temporaneamente lasciato. Ora fortunatamente sta tornando 😉

Sorry, the comment form is closed at this time.