Jul 212015
 

summer_saleTutti sappiamo che preparare una maratona autunnale significa affrontare pesanti allenamenti durante i mesi estivi. Dopo due anni (2013 e 2014) con temperature accettabili, quest’anno è tornato il caldo vero e con esso le difficoltà ad allenarsi decentemente nonostante le levatacce prima dell’alba.

Penso che in queste condizioni sia accettabile (e in certi casi addirittura consigliabile) concedersi degli ‘sconti’ sulle tabelle di preparazione, sia in termini di distanza che di passo. Ė altrettanto vero che nell’applicare queste riduzioni serve un minimo di criterio, altrimenti si rischia di sbracare o – al contrario – di faticare senza reali benefici.

Personalmente, seguo questa regola generale:

  • Riduzione della distanza nei lavori veloci. Ad esempio, abbassando il numero di ripetute ma correndole al passo previsto in tabella
  • Riduzione del passo nei lunghi, mantenendo invariata la distanza. Esistono vari metodi per calcolare il passo ideale: uno di questi prevede di rallentare 1”/Km per ogni grado di indice di calore superiore ai 28°

In sostanza, il criterio guida è quello di non ‘snaturare’ l’allenamento: se si tratta di un lavoro veloce deve rimanere tale, e andremo a ridurre la distanza. Se si tratta di un lungo, deve rimanere tale e ridurremo la velocità.

E voi, come affrontate la preparazione estiva?

Comments

  1. Andrea says:

    Caro Francesco, personalmente trovo la tua teoria degli “sconti” il miglior modo possibile per allenarsi con la bolla africana. Io la applico in corso d’opera in funzione dello stato di forma (forse meglio dire di salute…): nel caso di lavoro veloce provo a tenere il ritmo programmato il più a lungo possibile, salvo poi interrompere quando non ce la faccio più. Ovvero molto presto, talvolta a metà del lavoro.

  2. nino says:

    anche io cerco di limitare i danni con un passo piu lento cercadno di fare il lavoro come da tabella. non sempre ci si riesce pero

  3. Foia says:

    Se poi al caldo si uniscono gli acciacchi…. domattina in teoria avrei in programma ripetute 10×1000
    Mi viene da ridere….

Continuando a navigare in questo sito, autorizzi l'utilizzo dei cookies. Maggiori dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi