Feb 242016
 

pubalgiaDieci mesi! È da quasi un anno che la pubalgia non mi molla.

Ho provato diverse strategie: dapprima l’ho ignorata; poi ho provato a combatterla, spendendo parecchio tempo, denaro ed energie. Durante le cure mi sono anche fermato totalmente per quasi un mese. Ultimamente ho provato a conviverci cercando di limitarne le conseguenze, con il solo risultato di procurarmi ulteriori sofferenze e prestazioni ignobili. E proprio durante la maratona di Gran Canaria ho maturato la convinzione che non ha più alcun senso continuare così e che devo fare qualcosa di alternativo per risolvere la situazione. Sì, ma cosa?…

Alcune settimane fa, durante la visita per l’idoneità agonistica avevo chiesto al medico se in quel centro di medicina dello sport ci fossero operatori qualificati in grado di curare la pubalgia. Mi aveva parlato di un gruppo di specialisti (Ortopedico / Posturologo / Kinesiologo) che lavora in team per risolvere casi simili al mio. Non ci ho pensato molto e ho deciso di provarci.

Oggi ho avuto il primo appuntamento con l’ortopedico, che d’ora in avanti chiamerò “Lion King” in omaggio alla sua folta criniera argentea. L’incontro è stato piuttosto positivo. Dopo aver ascoltato la mia lunga storia clinica ed avermi manipolato a lungo fino a trovare il punto esatto del problema (Ouch!) mi ha spiegato il loro approccio: delineare un quadro diagnostico che include gli aspetti posturali (impronte varie, ecc.)  avvalendosi anche della tecnologia Scenar, per poi procedere al trattamento in maniera incrementale partendo dalla Kinesiologia applicata e arrivando – se necessario – a trattamenti strumentali e correzioni dell’appoggio tramite solette. Lion King mi spiega anche che in questo centro godono di una certa “libertà professionale” e tendono ad applicare metodologie innovative  che altrove non sono ancora diffuse né utilizzate in maniera integrata. Bene: proprio quello che cercavo!

Mi guardo bene dal dirgli che tra due settimane ho un’altra maratona e ci salutiamo in attesa del prossimo appuntamento con il dream team.

Stay tuned.

Continuando a navigare in questo sito, autorizzi l'utilizzo dei cookies. Maggiori dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi