Apr 252016
 

20160425_091147Visto che ultimamente non riesco a percorrere lunghe distanze, cerco almeno di aumentare la frequenza delle uscite: e così eccoci qui a Torre d’Isola, ventiquattr’ore dopo Besate. D’altra parte, non potevo mancare all’appuntamento visto che l’anno scorso questa manifestazione mi era particolarmente piaciuta, sia per il percorso che per l’organizzazione.

E come l’anno scorso, il clima è particolarmente fresco: otto gradi sono in effetti un po’ pochini  per essere a fine Aprile. Per allontanare il rischio di congelamento, parto il prima possibile e imposto un passo piuttosto allegro per i miei parametri attuali. Parametri che sono lontani anni-luce da quelli di un anno fa, quando ero carichissimo alla vigilia della mia prima (e finora unica) Ultramaratona, mentre oggi sono alle prese con un infortunio che mi impedisce di correre più di una quindicina di km.

Mentre seguo questo filo di pensieri da ‘viale del tramonto’ mi accorgo che le frecce disegnate per terra sono diventate solo due: quella gialla (percorso da 13km) e quella rossa (20km). Mi chiedo dove sia sparita quella verde con il relativo percorso da 7km, e spero che Miki si accorga della deviazione.

20160425_095230Dal quinto km il percorso (fino a quel punto piuttosto anonimo) diventa davvero bello, presentando le caratteristiche che fanno del Parco del Ticino un luogo ideale per correre. Peccato solo che oggi al ristoro di San Varese non possa permettermi di prendere la deviazione per il percorso lungo, e sia costretto a saltare la parte più “tecnica” e interessante: quella lungo il fiume. I tratti nel bosco sono comunque presenti e molto belli. Un po’ meno bello lo strappo malefico ad un chilometro dall’arrivo, come testimonia la foto qui a fianco.

Una volta arrivato do il meglio di me stesso, stabilendo il nuovo primato stagionale al ristoro:

  • pane e salame
  • pane e pancetta
  • pane e coppa
  • risotto con salsiccia appena sfornato. DE-LI-ZIO-SO
  • il tutto condito da abbondante vino rosso
  • pane e Nutella come dessert

E Miki? Come temevo ha mancato la deviazione, finendo sul percorso da 13Km. Arriverà con tutta calma in buona compagnia, e conservando le forze necessarie a mettere in serio pericolo il mio record al ristoro.

Continuando a navigare in questo sito, autorizzi l'utilizzo dei cookies. Maggiori dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi