May 132018
 

È passato un anno. Non solo dalla mia ultima partecipazione alla “mezza di Bucci”, ma dalla mia ultima mezza in assoluto. A conferma del fatto che – oltre a non amare particolarmente la “mezza distanza” – in questo periodo sto gareggiando davvero poco. Ma oggi non potevo mancare, fosse anche solo per la comodità di poter andare a piedi alla partenza, letteralmente dietro casa.

Per questa gara mi sono dato un obiettivo primario davvero low profile: limitare i danni, che in soldoni significa – oltre a non farsi male – evitare un altro Personal Worst dopo quello di tre settimane fa a Londra. Obiettivo secondario: stare sotto il limite psicologico delle due ore. Tutto quello che dovesse venire in più sarà grasso che cola. Peccato che il famigerato “effetto pettorale”ci metta lo zampino, facendomi tenere per i primi cinque km un passo che non mi appartiene (in zona 5’/km) e che pagherò caro nella seconda parte. 

Il percorso è cambiato rispetto alle edizioni precedenti, risultando ancora meno filante a cause dei ripetuti cambi di direzione, degli archetti dissuasori e dei tratti campestri. Tutte cose che contano per chi sta cercando di fare il tempo, ma non per me. E infatti me la godo, anche se dalla mia espressione non si direbbe:

 

Verso metà gara – come previsto – la prima parte troppo brillante presenta il conto, che è reso più salato dall’apparizione del sole (oggi fortunatamente solo per alcuni tratti) e del cavalcavia di Rovido. Da qui in poi si tratterà di gestire il vantaggio accumulato. Infatti, facendo un rapido calcolo mi rendo conto che posso permettermi di andare a 6’/Km per stare nelle due ore.

Mi amministro e arrivo in fondo relativamente tranquillo, al punto da potermi permettere la simulazione di una volata a favore di obiettivo.

  

Per la cronaca: alla fine il cronometro sancirà un risultato (1h52’19”) che va oltre ogni mia più rosea aspettativa.

Risultato a parte, sono proprio contento. Perchè – come dice un mio amico – quello che conta non è andare forte, ma venire bene nelle foto!

Continuando a navigare in questo sito, autorizzi l'utilizzo dei cookies. Maggiori dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi